ISEE: quali documenti bisogna portare per la domanda

L'attestazione ISEE è la certificazione della situazione economica  complessiva di un nucleo famigliare che tiene conto di vari aspetti (oltre a redditi e patrimonio anche la numerosità dei componenti e il fatto che vi siano soggetti disabili) . L' ISEE sotto determinate soglie permette l'accesso ad agevolazioni e prestazioni assistenziali da INPS enti locali , Accesso all'università ecc. 

Il valore dell'ISEE viene calcolato dall'INPS su richiesta, sulla base dei dati forniti dall'interessato con la Dichiarazione DSU (Dichiarazione sostitutiva Unica).  La  richiesta di ISEE puo essere fatta:

  1.  sul sito INPS in autonomia o anche
  2.  attraverso i Patronati o CAF  

In ogni caso è necessario  avere a portata di mano di tutte le informazioni specifiche.

lnps ha predisposto anche un servizio di DSU precompilata per chi fa la richiesta online ma la dichiarazione deve comunque essere integrata con alcune informazioni.

Vediamo di seguito quali sono le informazioni e i documenti che  sono necessari per effettuare la domanda e ottenere l'ISEE aggiornato.

Documenti relativi ai dati  anagrafici 

Sono necessari :

  • Dati personali di tutti i componenti del nucleo familiare;
  • Documento di riconoscimento ( non scaduto ) del dichiarante; 
  • Codice fiscale/Tessera Sanitaria di tutti i componenti del nucleo familiare;
  • Certificati di invalidità o inabilità se sono presenti nel nucleo familiare persone con disabilità;
  • Titolo di soggiorno per i cittadini stranieri;
  • Sentenza di Separazione o Divorzio, eventuale.

Nel caso di prestazioni per minori e studenti universitari, in presenza di genitori non coniugati e non conviventi occorre presentare l’ISEE anche per l’altro genitore se non già in possesso di protocollo della DSU in corso di validità. )

ISEE Documenti relativi ai redditi

Per ottenere l'ISEE STANDARD (o Ordinario) devono essere forniti i dati sui redditi di tutti i componenti del nucleo familiare riferiti all’anno 2019 (al secondo anno precedente la richiesta) quindi:

• Dichiarazioni redditi anno 2020 relative all’anno 2019; 

• Modelli CU 2020 per i redditi 2019; 

• Altre certificazioni reddituali relative all’anno 2019; 

• Redditi soggetti a ritenuta a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva percepiti nel 2019; 

• Redditi esenti da imposta (es. voucher, retribuzioni corrisposte da Enti o organismi internazionali, rappresentanze diplomatiche e consolari, Missioni, Santa Sede, borse di studio, quota esente compensi attività sportiva dilettantistica, ecc.) 

• Assegni effettivamente percepiti per il mantenimento dei figli e del coniuge;

 • Redditi di lavoro dipendente e assimilati prodotti all’estero e non tassati in Italia 

• Trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari (es. contributi comunali diversi da quelli erogati a fronte di spese rendicontate, contributo fondo regionale affitti, ecc.); 

• Redditi fondiari relativi ai beni non locati soggetti all’IMU o all’IVIE se ubicati all’estero e non imponibili ai fini IRPEF;

 • Contratti di locazione degli immobili in caso di canoni di locazioni non risultanti dalla dichiarazione dei redditi; 

DETRAZIONI DAL REDDITO :

 Spese sanitarie per disabili, spese per l’acquisto di cani guida, spese per il servizio di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordi, spese mediche e di assistenza specifica indicate in dichiarazione dei redditi (anno d’imposta 2019); 

Assegni effettivamente corrisposti per il mantenimento del coniuge e/o dei figli (anno 2019);

 Per tutti coloro che risiedono in locazione: copia contratto di locazione vigente e relativi estremi di registrazione; ricevute di pagamento del canone; prospetto canone in corso Acer. 

ISEE: Documenti relativi al patrimonio posseduto dalla famiglia

Vanno forniti i dati  sul patrimonio posseduto da tutto il nucleo familiare in italia e all'estero al 31 .12.2019 

IMMOBILI

  • Valore IMU di fabbricati, aree fabbricabili e terreni: visure, rogiti, atti di successione; Per gli immobili detenuti all’estero si fa riferimento ai valori IVIE (dato catastale rivalutato oppure rogito acquisto oppure valore di mercato); 
  • Documentazione attestante la quota di capitale residuo per eventuali mutui contratti per l’acquisto o costruzione dei fabbricati dichiarati (sia casa di abitazione che altri fabbricati)

BENI FINANZIARI

  • Conti correnti, carte prepagate, etc.. :s aldo e giacenza media alla data del 31/12/2019 oppure alla data di chiusura se chiusi in corso d'anno 
  • Titoli di stato, obbligazioni, buoni fruttiferi, certificati di deposito, ecc.: valore nominale; 
  • Azioni o quote di organismi di investimento collettivo di risparmio (Oicr): quotazione; 
  • Partecipazioni in società non azionarie e imprese individuali: patrimonio netto riferito all’ultimo bilancio approvato o, in caso di esonero, somma delle rimanenze finali, del costo dei beni ammortizzabili al netto degli ammortamenti degli stessi più altri cespiti o beni patrimoniali (compilare l’apposito prospetto di bilancio ); 
  • Masse patrimoniali costituite da somme di denaro o beni in gestione a soggetti abilitati di cui al D.lgs 415/96; 
  • Contratti assicurazione a capitalizzazione o mista sulla vita e di capitalizzazione con l' ammontare premi versati. 

 AUTOVEICOLI E ALTRI BENI DUREVOLI : 

  • Per ogni veicolo posseduto alla data di presentazione della DSU: targa o estremi di registrazione presso competente registro (P.R.A. oppure R.I.D.)

ATTENZIONE per ogni rapporto finanziario puo essere richiesto di documentare specificamente:

  1. la tipologia di rapporto  (Conto corrente, conto deposito); 
  2.  i dati identificativi  (IBAN, ECC.); 
  3. il codice fiscale dell'operatore finanziario con cui si intrattiene il rapporto
  4. Data di inizio e fine del rapporto.

Da notare che per l'ISEE CORRENTE invece vanno fornite tutte le informazioni riferite ai 12 mesi precedenti la richiesta ( o 2 mesi in caso di perdita del lavoro o di prestazioni assistenziali.

Leggi anche Isee corrente cos'è? quali differenze con l'SEE ordinario?